PhotoPaysage

25,00

2020
pagine 311
22×16 cm
italiano

Solo 1 pezzi disponibili

Descrizione

«La distanza peculiare o specifica del punto di vista su cui si cristallizza la tipica immagine di “paesaggio” costituisce un esempio di fenomeno-soglia o di condizione liminare. È un momento di passaggio, pieno di energia, desiderio e contraddizione, che si è da tempo consolidato come emblema, l’emblema di un “momento decisivo” di visione o di esperienza e, naturalmente, anche di relazione sociale».

Jeff Wall

La fotografia di paesaggio sta vivendo un momento di grande dinamismo, sia autoriale che istituzionale, tanto da essere diventata un essenziale strumento conoscitivo della pianificazione territoriale. Il seminario internazionale da cui nasce questo libro (PhotoPaysage. Ce que la photographie fait au paysage, Venezia, giugno 2016) si proponeva di studiare la genesi di alcuni paesaggi fotografati, italiani e francesi, e di analizzarne i processi materiali e fotografici di costruzione, indagando così un’area d’interesse liminare a molte discipline: filosofia e storia, fotografia, paesaggio, architettura e urbanistica.
Quali sono le mutue interferenze tra controllo istituzionale e lavoro autoriale, e, più in generale, le conseguenze del diffondersi della modernità fotografica in un’area fortemente segnata dalla rappresentazione pittorica? La storia del paesaggio italiano differisce, come è noto, da quella del paesaggio francese, meno costruito e più naturale, ma non è sulla diversità che il presente studio si concentra, quanto piuttosto sullo sviluppo congiunto di una “filosofia materiale” del paesaggio che non può più ignorare le pratiche di rappresentazione sulle quali, pur tacitamente, riflette.

Spedizioni

Spediamo in tutto il mondo con corriere DHL. In Italia consegna in 2 giorni lavorativi per gli ordini entro le ore 12.

PhotoPaysage

25,00

Solo 1 pezzi disponibili